Alesatura

L’alesatura è una lavorazione meccanica per correggere lievemente l’assialità e il diametro dei fori, chiamato alesaggio, precedentemente realizzati con il trapano. Si esegue a mano con gli alesatori montati sul giramaschi oppure a macchina con l’alesatrice.

Il moto rotatorio dell’alesatore aumenta il diametro del foro e lo porta pian piano al valore corretto, eventualmente variando la posizione dell’asse. Per alesare fori cilindrici e conici all’utensile viene impresso un moto di traslazione parallela all’asse.

Si usano alesatori a mano con codolo ad attacco quadro montati sul giramaschi a manubrio, meglio se regolabile. Si accosta l’imbocco dell’utensile al foro e lo si introduce con attenzione di una quantità sufficiente a garantirne la guida e l’assialità, poi si ruota l’utensile in senso orario applicando una leggera spinta parallela all’asse per agevolare la traslazione nel foro che deve procedere con regolarità e senza strappi o impuntamenti. Nel caso di fori passanti bisognerà procedere sin quando l’utensile non sia completamente uscito dalla parte opposta; per i fori ciechi bisognerà invece impiegare una serie di alesatori di diametro via via crescente. La lubrificazione con olio da taglio o altro opportuno lubrificante è sempre consigliata, soprattutto nel caso di fori lunghi o qualora s’intenda allargare sensibilmente il diametro. A fine lavoro si ripulisce tutto con aria compressa assicurandosi che il truciolo sia completamente evacuato.

Per fori a sezione quadrata o rettangolare o comunque non rotonda si usano speciali alesatori chiamati brocce e l’operazione prende il nome di brocciatura.

FONTE :WIKIPEDIA